Chi siamo

Siloe è un’ associazione non a scopo di lucro interconfessionale basata su un etica cristiana.

Perché il nome Siloe? Giov. 9.1-11 (La Bibbia)

E mentre passava vide un uomo cieco fin dalla nascita. Sputò a terra e con la saliva fece del fango e spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse:

“Va, lavati nella piscina di Siloe”. Egli dunque vi andò, si lavò e ritornò che ci vedeva.

Gesù non avrebbe potuto semplicemente pregare affinché quest’uomo recuperasse istantaneamente la vista?
Nelle nostre vite, il Signore ci guarisce sempre all’istante? Spesso siamo come questo ceco nato, che ha dovuto fare prova di coraggio e di volontà per recarsi alla fonte di Siloe.
Il testo non ci dice a quale distanza si trovava la fonte, in quale stato fosse la strada, quanto tempo occorreva per raggiungerla, quante persone lo hanno sorretto, se era solo, chi era testimone del suo percorso e neanche chi ha avuto la gioia di assistere alla sua guarigione.
Se il centro di consulenza ha ricevuto il nome di Siloe, è perché c’è un atto di coraggio, di perseveranza e di fede da parte di coloro che desiderano ricevere aiuto. Su questo cammino verso la guarigione, forse alla partenza o forse a metà strada, noi saremo li per aiutare la persona a lavarsi gli occhi e saremo quindi testimoni di una guarigione.

Il tunnel di Siloe, descritto nell’ Antico Testamento, è stato rinvenuto da alcuni ricercatori israeliani dell’ Università ebraica di Gerusalemme. I test al radiocarbonio confermano che è stato costruito verso il 700 a.C. come sostengono gli scritti biblici.

Il tunnel, costruito durante il regno Ezechia, (727-698 AC) è stato menzionato a due riprese: nel libro dei Re e nel libro delle Cronache. Il passaggio che legava Gerusalemme alla fonte di Gihon, doveva garantire alla città la provvista d’ acqua in caso di assedio da parte degli Assiri.

Lungo più di 516 metri, il tunnel passa tutt’ora sotto l’ antica città di Gerusalemme ed è uno dei più antichi concepiti senza pozzi intermediari.

Un bell’ esempio di scrittura ebraica risalente all’ epoca del re Ezechia si trova incisa su una roccia vicino a Siloe (scritta riguardante la costruzione di un tunnel sotterraneo che conduceva l’acqua a Gerusalemme e che sbocca alla piscina o fonte di Siloe).

bible